Confrontarsi, collaborare e creare possibili nuove sinergie tra “cugini” seguendo l’agenda Unesco in fatto di scambio di buone pratiche innovative. E’ con questi presupposti che durante lo scorso fine settimana la Città di Biella si è incontrata con il Club per l’Unesco di Ivrea e l’amministrazione eporediese. L’incontro si è svolto negli Insediamenti Universitari di Montenavale. Insieme al sindaco di Biella Claudio Corradino e l’assessore Barbara Greggio è intervenuto il senatore Gilberto Pichetto Fratin. Ad accogliere la delegazione laniera Stefano Sertoli (sindaco di Ivrea), Virginia Tiraboschi (senatore della Repubblica) e Alessandro Vigna (onorevole).

L’incontro è servito per la presentazione di Biella Città Creativa per le “Crafts and Folk Arts”. Il primo cittadino di Biella ha lanciato un messaggio di amicizia e apertura nei confronti di Ivrea, Città Industriale del XX Secolo patrimonio Mondiale Unesco: “Il mio  auspicio è che questo sia il primo di una serie di incontri mirati alla cooperazione e alla collaborazione tra i siti Unesco del Piemonte, con l’obiettivo che questi preziosi riconoscimenti possano con azioni concrete stimolare i settori industriali, turistici, culturali e commerciali al fine di generare nuove energie e creatività per promuovere l’economia e magari creare qualche posto nuovo di lavoro”.

Il Club per l’Unesco di Ivrea si è costituito come associazione nel 2016,  pur operando già sul territorio come Club Promotore dal 2010 ed è un organismo associativo riconosciuto dalla Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco.  La sua finalità è promuovere la comprensione e il sostegno della missione, delle priorità e dei programmi dell’Unesco nell’ambito della società civile.